» Chirurgia Generale

APPENDICITE

 

Tipologia Intervento: Anestesia generale

Durata Intervento: 1 h

Degenza: 2 giorni               

Ritorno al Sociale: 7 - 10 giorni

 

L’appendice vermiforme è una formazione tubulare cieca, con calibro di circa 8 mm, con una lunghezza media di 8,5 cm, la sua base è impiantata sulla parte bassa del cieco. Costituisce spesso l’urgenza addominale più frequente, i due sessi sono ugualmente interessati.

Il meccanismo il più delle volte responsabile è l’ostruzione del lume appendicolare da parte di un coprolita, di un  di una corpo estraneo (nocciolo di una ciliegia).

Il dolore addominale è il sintomo principale dell’appendicite acuta, è avvertito nelle regioni periombelicali o all’epigastrio e successivamente nella fossa iliaca destra, nausea e vomito sono più tardivi, febbre e disturbi dell’alvo.

L’osservazione del malato, la palpazione dell’addome, la leucocitosi (aumento dei globuli bianchi),  l’ecografia, la img-prod-content-id-5-555.jpgradiografia diretta  addominale sono fondamentali per diagnosticare l’appendicite. A volte il quadro può regredire con gli antibiotici, altre volte è necessario intervenire con una chirurgia d’urgenza.

 

INTERVENTO  

Viene eseguito in anestesia generale e circa 2 giorni di ricovero.  L’incisione cutanea in fossa iliaca secondo Mac Burney rimane l’incisione di scelta. Dopo la sezione dell’appendice alla sua base, l’affondamento di questa in una borsa cecale è raccomandata. La sutura dell’incisione viene eseguita  con punti riassorbibili o con punti esterni che verranno rimossi dopo 7 giorni.

 

POSSIBILI COMPLICANZE  

Infezioni della ferita che regrediscono con gli antibiotici, occlusione intestinale specie nelle forme ascessualizzate o perforate.

 

RITORNO al SOCIALE

1 settimana di riposo è spesso sufficiente per riprendere l’attività lavorativa.


Facebook: Chirurgo estetico e plastico Bologna  Linkedin: Chirurgo estetico e plastico Bologna
  • Chirurgia Estetica

  • Chirurgia Ricostruttiva

  • Chirurgia Generale

 

 News